Vixin a-o Bambin

Poesia di frate Gherardo Del Colle di Ge-Pontedecimo.

 

Vixin a-o Bambin

Chì davanti a-o Presepio, cäo Bambin,
mì me ghe incanto
pròprio cômme in ninnin.
Làscime in te sto canto
insemme a l’äze e a-o bêu:
sento bàttite o chêu cianin cianin,
veddo che ti m’ammii,
veddo che ti me rii
tanto che mì te mando i mâe baxin
(e te i mando de chêu
cômme quand’ëo figgiêu).

Vicino al Bambino (Gesù)

Qui davanti al Presepe, caro Bambino,
io mi ci incanto
proprio come un bambino.
Lasciami in questo angolo
insieme all’asino e al bue:
sento batterti il cuore piano piano
vedo che mi guardi,
vedo che mi sorridi
tanto che io ti mando i miei bacini
(e te li mando di cuore
come quand’ero ragazzino).

Oh Bambin dexideròu
scialla scialla che t’ò attrovòu!
L’è ciû de ‘n’ ôa che te çercava
che sciû pe-i bricchi m’aranpinava
e che curîva ben de galoppo
pe poéi avéi sto bel’intoppo.
Me son aranpinòu pe o monte e o cian
che m’ho frapòu scinn-a ‘na man:
ma no fa ninte, no sento dô
basta che vedde o mæ Segnô.
Oh Bambino desiderato
evviva evviva che ti ho trovato!
È trascorsa più di un’ora che ti cercavo
che su per i monti mi arrampicavo
e correvo a più non posso
per avere questo bell’incontro.
Ho vagato per monte e per piano
mi sono perfino rotto una mano:
ma non fa niente, non sento dolore
basta che veda il mio Signore.